Pietro Occhiuto

Pietro Occhiuto

sabato 9 marzo 2013

Berlusconi. il malato immaginario

  C'è un uomo in Italia che, quando si avvicina il momento di entrare in un'aula di Tribunale, viene afflitto da tante malattie, spesso immaginarie.
Sembra di rileggere la trama del Malato immaginario di Moliere ed invece si stanno raccontando gli sviluppi della vicenda di Silvio Berlusconi e dei suoi presunti impedimenti per partecipare ai processi cui è sottoposto.
I giudici della Corte d'appello del Tribunale di Milano, questa mattina, ha disposto una visita fiscale per capire se Berlusconi, da ieri ricoverato all' Ospedale S. Raffaele per un'uveite, è nelle condizioni di partecipare al processo Mediaset. "Non sussiste un impedimento alla partecipazione" è l'esito della visita fiscale. Il processo quindi prosegue.
Poco prima dell'esito della visita Francesco Bandello, Il primario di oculistica e oftalmologia dell'ospedale San Raffaele di Milano, Francesco Bandello, questa mattina aveva detto: "Tratterrei Berlusconi almeno fino a domani per garantire una terapia scrupolosa e un monitoraggio adeguato" ma i medici inviati dai giudici, credono che la malattia che afflige l'ex premier non è tale da concedergli un impedimento.
La stessa procedura era stata richiesta senza successo ieri dalla p.m. Bocassini che si vista costretta a rinviare a lunedì 11 prossimo la requisitoria per il processo Ruby. 

È dunque scontro aperto tra magistratura e Silvio Berlusconi, uno scontro che dovrebbe vedere il culmine nella manifestazione del prossimo 23 marzo che il PDL sta organizzando contro quella parte della magistratura definita dallo stesso Berlusconi come "un cancro della democrazia" e che l'Associazione nazionale magistratia bollato con estrema durezza: "Qualsiasi generalizzazione - dice il presidente dell'Anm Rodolfo Maria Sabelli - qualsiasi attacco alla magistratura, idea di manifestazioni dirette contro di essa costituiscono una sfida a principi che sono fondamento della nostra Costituzione e delle democrazie mature".

4 commenti:

  1. E' ora o no',che la legge dovrebbe essere uguale x tutti. personaggiimportanti,
    dovrebbero
    sottostare alle regole piu'degli altri.Noi poveri Cristi dovremmo essere orgogliosi se la magistratura non ha paura di processare i potenti,tanto loro hanno i soldi per potersi pagare i migliori avvocati.(tra l'altro in certi casi,prima li fanno eleggere in parlamento)Quindi in galera sicuramente non ci andranno se sono innocenti.

    RispondiElimina
  2. Berlusconi ha fondato un partito x farsi difendere, visto che i processi di "mani pulite" hanno tolto di mezzo Craxi col suo partito che era x lui una sicurezza. Ora ci sono tutti quei parlamentari, giornalisti opinionisti e "ingenui elettori" che gli hanno giurato difesa ad oltranza pur di godere del suo portafogli. Xché il cainano sa che le sue abitudini non sono sempre in linea con la legge, ma lui era abituato durante la prima Repubblica corrotta, che dove la legge lo fermava lui andava a vanti con i suoi soldi e aggirava l'ostacolo. Ora che si è messo in politica, senza volere è entrato nell'occhio del ciclone, e tutto quello che fa viene pesato e ripesato e le magagne vengono alla luce del sole e sono tante. Lui le tenta tutte, ma nella magistratura non c'è gente ingenua come quelli che gli danno il voto e dunque come ultima carta giocherà riunire in piazza tanta gente x far paura ai magistrati. Farà un buco nell'acqua. Ma xché non lascia l'Italia? Lui se lo può permettere, così ci lascia liberi di fare le leggi che vogliamo noi, a nostro favore.

    RispondiElimina
  3. Vuoi vedere che la natura comincia a fare il suo corso e la fidanzatina resta vedovina .

    RispondiElimina
  4. ghedini e longo dicono che i giudici sono dei persecutori .può anche essere ma i giudici applicano le leggi che il parlamento fà.ma ghedini e longo non sono anche chi a votato in parlamento insieme a tutto il centro destra che ruby era la nipote di mubarak. mentendo sapendo di mentire. caro silvio hai perso le elezioni e il privilegio di farti fare leggi a personam.e ora che rispondi alle tue accuse e se ti riterranno colpevole in base alle leggi vigenti come tutti noi dovrai anche tu pagare il conto aala giustizzia.SPERIAMO

    RispondiElimina