Pietro Occhiuto

Pietro Occhiuto

martedì 12 marzo 2013

Nanni Moretti aveva previsto tutto, le dimissioni del Papa e l'assalto al Tribunale

Quando Nanni Moretti girò Habemus Papam e Il Caimano tutta la critica giudicò i film interessanti ma assolutamente irreali, fantascientifici. Basta andare a leggere gli articoli di critica cinematografica di quegli anni per accorgersi come parte di loro diedero allo al regista del visionario.
Bene, quei film avevano un carattere profetico, mancava solo la data di quando quei fatti raccontati da Moretti sarebbero accaduti. Nanni Moretti, nuovo profeta moderno.
Le immagini di ieri della marcia dei parlamentari pidiellini all'assalto del Tribunale di Milano hanno richiamato alla memoria le scene del film quando il pubblico ministero chiede la condanna dell'Imprenditore, interpretato dallo stesso Moretti. Il giudice gli infligge 7 anni di reclusione e l'interdizione dai pubblici uffici. Il Caimano reagisce. Esce dal tribunale auspicando che il popolo, che l'ha votato, si ribelli. Alcuni facinorosi gettano molotov contro i giudici. Il Caimano se ne va in auto. Il suo volto entra nell'ombra, diventa una silhouette, dietro di lui brillano i fuochi del tribunale in fiamme.

Stessa cosa per il film Habemus Papam Dopo alcune votazioni, viene eletto a sorpresa il cardinale Melville.
Al momento della pubblica proclamazione, mentre il cardinale protodiacono sta per annunciare il nome del nuovo papa alla folla dei fedeli riuniti in Piazza San Pietro, il neoeletto ha un violento attacco di panico e fugge via nello sconcerto generale, interrompendo la cerimonia prima che sia pubblicamente annunciata la sua elezione. Dopo qualche giorno, tornato in Vaticano il papa si presenta finalmente al mondo, nel tripudio della folla e dei cardinali. Nel discorso ai fedeli, il pontefice ammette di non avere la forza e di non essere in grado di guidare la Chiesa in un momento di scelte tanto difficili per gli uomini. Al termine del discorso il papa abbandona il leggio e scompare nel palazzo, lasciando nuovamente nel vuoto del conclave la Chiesa, che resta senza guida nello smarrimento generale.
Con Moretti nasce quindi un nuovo genere cinematografico, il cinema profetico.

0 commenti:

Posta un commento