Pietro Occhiuto

Pietro Occhiuto

giovedì 21 marzo 2013

Napolitano e la patata bollente dell'incarico

Napolitano ha portato a termine la sua due-giorni di consultazioni per verificare la possibilità di conferire l'incarico per la formazione del Governo. Da queste consultazioni sembrerebbe che non ci siano grosse novità. Grillo, Berlusconi e Bersani non hanno fornito al Capo dello Stato quelle indicazioni per districarsi in una delle crisi politiche più importanti degli ultimi anni, solo veti incrociati che rendono difficilissimo il lavoro di Napolitano il quale ha deciso di prendersi tutta la notte prima di decidere.

E la decisione, appunto, non è affatto facile perchè Napolitano avrebbe in testa una soluzione molto simile a quella che ha portato Monti al Governo un anno e mezzo fa. Ma questa soluzione non è proprio quella che ha in mente il Centrosinistra perchè Bersani, che sicuramente non metterà il proprio tornaconto personale rispetto a quello del Paese, potrebbe farsi da parte e proporre una personalità fuori dai partiti che possa piacere anche al Movimento 5 Stelle. Questa soluzione però sarebbe distante, perchè spostato a sinistra, dai desiderata del Capo dello Stato.
Districarsi non sarà facile e la patata dell'incarico per la formazione del Governo, che Napolitano tiene in mano, invece di raffreddarsi si fa sempre più bollente.

1 commenti:

  1. Salvatore Trobia22 marzo 2013 20:32

    E arrivo fnalmente il gran giorno. Bersani ha in mano il potere di farsi respingere, o peggio ancora prendere dare la fiducia dal nemico (secondo lui), numero 1: B.
    Durante la campagnia elettorale, non ha considerato che il pericolo non era lui (anche se di poco l'ha battuto), ma era il M5S. Lo stesso che ieri ha detto "non è importante essere poveri, ma essere felici". "Il problema non è se rimaniamo dentro o fuori l'€, ma è importante essere uniti. Fare un referendum". "Il popolo dee ritornare ad essere sovrano. sovano s tutto: economia,politica,industria". Cioè, se non capisco male, Faremo un referendum ogni qualvolta che si dovrà decidere qualcosa! Allora facciamo un referendum, se gli itaiani vogliono i comici o i ladri al parlamento!!!! Ops, forse h sbagliato, su quello non siamo sovrani.

    RispondiElimina