Pietro Occhiuto

Pietro Occhiuto

martedì 16 aprile 2013

Per il Quirinale M5S sceglie la Gabbanelli ma il vero nome è Rodotà.

Le Quirinarie del Movimento 5 stelle hanno prodotto il loro risultato: è Milena Gabanelli la candidata risultata vincitrice al termine dei due turni di votazione online. L'annuncio è stato dato sulla 'La Cosa', la tv streming del Movimento. Alle spalle della Gabanelli si son piazzati Gino Strada, Stefano Rodotà, Gustavo Zagrebelsky, Ferdinando Imposimato, Emma Bonino, Giancarlo Caselli, Romano Prodi e, nono, Dario Fo.
La giornalista e conduttrice televisiva si è detta commossa e "sopravvalutata".
Un risultato giunto anche grazie alla forte simpatia per Milena Gabanelli, per le sue inchieste giornalistiche fatte in maniera competente e per la sua rettitudine. Ma al Paese serve altro, altre competenze e di questo ne è consapevole la stessa Gabanelli che oltre a dirsi sopravvalutata già nei giorni scorsi aveva annunciato la sua rinuncia ad una prospettiva di Presidente della Repubblica.
L'attenzione quindi si rivolge più che a Gino Strada, arrivato secondo nelle Quirinarie, anche lui ha gentilmente declinato, a Stefano Rodotà arrivato terzo e sul quale più di un'attenzione è stata rivolta da esponenti della sinistra del Pd e di Sel.
Costituzionalista, già parlamentare indipendente tra le fila del Ds, Rodotà è stato più volte considerato come l'uomo giusto per affrontare la situazione tanto complicata che sta attraversando il nostro Paese.
Movimento 5 Stelle e il Centrosinistra potrebbero convergere su Stefano Rodatà questo però potrà accadere se il Movimento non si ferma alla candidatura di bandiera rappresentata dalla Gabanelli e la Sinistra non decida di cadere nella trappola berlusconiana.

0 commenti:

Posta un commento